doratura mobili

DORATURA
A guazzo: è il metodo più tradizionale usato fin dai tempi più antichi. Il pezzo grezzo viene ammannito (viene data almeno una mano di gesso) e successivamente viene applicato il tipo di bolo (esiste in varie colorazioni) più adatto alla rifinitura che si vuole ottenere. Aspettati i tempi di essiccazione si applica la foglia d’oro dopo aver bagnato la superficie con una miscela acquosa di colla di pesce. La foglia di oro zecchino, oro imitazione o argento viene generalmente brunita con la pietra d ‘agata rendendo il pezzo lucido. La lavorazione si conclude con procedure di invecchiamento che sono personali e dipendono dal nostro estro, dal gusto del cliente e dall’epoca che si vuole riprodurre.
A missione all’acqua: questa è una tecnica di doratura più semplice e veloce ma i risultati sono sicuramente diversi di quella a guazzo. La missione ad acqua deve essere stesa su di una base ma non necessita di bolo. Una volta applicata si lascia asciugare parzialmente e si sovrappone la foglia d’oro (oro zecchino, oro imitazione o argento). Premendo con del cotone si fa aderire su tutta la superficie, dopo di che si spolvera con un pennello morbido per togliere le impurità. Successivamente non è possibile brunire l’oro ma solo antichizzare il pezzo con svariate finiture.